Esercizi scrittura creativa

Laboratorio di scrittura creativa: Spazio e ricordi

IMG_0482

Buongiorno lettori e scrittori!

Potrei esordire con “dacci oggi il nostro John Fox quotidiano”, perché quando sono in difficoltà con gli esercizi (come oggi, perché per vari altri progetti sto restando un po’ indietro con il blog…) mi rivolgo a lui. Sul suo sito ho trovato una lista infinita di Spunti di scrittura per provare a vincere il blocco dello scrittore, uno dei mali principali che affligge gli scrittori (prima o poi farò un post proprio su questo! Sto pensando di rinnovare completamente il blog, vediamo se/come/quando ce la farò e in che modo. Intanto, ogni suggerimento o richiesta è welcome!). Tornando a noi, mi sono lasciata convincere da uno degli esercizi su “ciò che ci circonda”, i nostri oggetti e lo spazio.

L’esercizio scelto è:

Mentalmente, o fisicamente, cambia la disposizione dei mobili della tua camera (o del salotto, per carità, siete sempre liberi e free), e vedete come questo cambia il mood generale della stanza.

Io lo legherò anche ai ricordi, perché mi ricordo di una volta in cui una cosa così l’ho fatta e sarà interessante ri-vederla con i miei occhi da scrittrice.

Vi chiedo, come sempre, che ne pensate dell’esercizio ma, soprattutto, qual’è per voi la più grande “malattia” degli scrittori, così poi ci facciamo un bel post!

6 pensieri riguardo “Laboratorio di scrittura creativa: Spazio e ricordi

  1. Secondo me il problema più grande di uno scrittore è l’insicurezza o la troppa sicurezza. Non so se mi riesco a spiegar meglio. Uno scrittore insicuro ha paura di sbagliare e cura lo stile a dispetto dell’emozione. Uno scrittore troppo sicuro si auto esalta, non dando peso a cosa vuole il lettore.

    1. Sì, assolutamente. La non sicurezza ti spinge anche a restare in superficie, senza spingerti davvero a fondo di un personaggio, dove farebbe più male! la troppa sicurezza invece ti fa vedere solo i tuoi lavori come validi, mentre quelli altrui ti sembrano delle cose insulse. Niente di più sbagliato, per uno scrittore. Non avere spirito critico ti taglia le gambe.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...