RaccontAmi

Racconti da un titolo: Sofia si veste sempre di nero.

IMG_0395

“Family is amazing…” 

Questo il messaggio che campeggia sul mio display. Lo leggo a malapena, mentre mi districo svelta nella stazione di Tottenham Court Road, diretta alla metropolitana. 

Scarto sulla sinistra e mi fiondo giù per le scale mobili, superando la fila di umani diligentemente disposti a destra, per far passare chi ha fretta, chi deve timbrare in ufficio, chi ha questioni importanti da sbrigare. 

Alla fine del lungo corridoio che porta alla Central line, -con Linda ci dobbiamo vedere a Liverpool street, poi lei deve prendere il treno per Enfield Town- mi concedo di notare la mia figura in nero distorta dal vetro convesso messo prima della curva, per far sì che tutti i tizi appiccicati al cellulare non si schiantino l’uno contro l’altro. 

“Family is amazing…” mi ha scritto Charlotte. 

Vuol dire quindi che suo fratello ha davvero intenzione di venire qui da New York, per aiutarla con il trasloco? L’ultimo, definitivo, quello che le farà capire che, come tutti noi, siamo sempre stranieri? Quando toccherà a me? Quando mi verrà riferito “signorina quella è la porta, le preghiamo di tornare da dove è venuta? 

Sì, ma io… da dove sono venuta? 

Charlotte ha detto che Natale a New York tutto era più calmo. 

“Potevo respirare, capisci? Non ti senti così anche tu, che qui soffochi perché siamo sempre piene di cose da fare e invece a casa respiri?” 

La verità è racchiusa, magistrale, in quelle tre parole lasciate appese sul display del mio telefono, come una bandiera rossa sgangherata nelle giornate ventose al mare. Pericolo, è meglio non entrare in acqua.  

Respiro quando finisco un progetto e capisco che è piaciuto. Respiro quando guardo il cielo, mentre sto ad Hampstead Heat e lo vedo attraversato dagli aquiloni. Respiro quando indosso il mio cappotto nero, sopra i leggins neri e la camicia con lo sbuffo nera. 

No, non respiro a casa.  

Family is amazing… 

 

PS: come sempre, trattandosi di un #raccontidauntitololkl questo pezzo NON fa parte del romanzo, è scritto dalla sottoscritta. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...