RaccontAmi

Il racconto del mercoledì: Conversazione su cosa non sarà mai, part 6.

Il silenzio si riappropriò di noi come si era impossessato della notte. Il paesino in cui stavamo alloggiando, Bluff, era talmente piccolo da contare, forse, venti vie. Era stato una stazione postale, delle vecchie corriere. Quelle delle carovane, dei film western. Uno dei mezzi, infatti, riposava ancora di fronte all’entrata, se così la si poteva… Continua a leggere Il racconto del mercoledì: Conversazione su cosa non sarà mai, part 6.

altro · Daily Tales

L’albero di mimosa.

Nel nostro paese c’era un parco. Per me, bimba di cinque o sei anni, era un parco immenso. Era segnato da tante siepi, passaggi impervi che portavano a panchine isolate, a giochi sgangherati. Ti ci potevi nascondere, in quel parco, e giocare a scappare dai tuoi fratelli o dai tuoi compagni. In fondo al parco,… Continua a leggere L’albero di mimosa.

altro · RaccontAmi

Il Racconto del mercoledì: Conversazione su ciò che non sarà mai, Part 1

“Se io ci avessi provato, allora, avresti accettato?” Eravamo sul piccolo terrazzino comunicante tra le nostre camere. Intorno a noi, il pacifico nulla. La formazione rocciosa, che faceva da sfondo al retro del cottage, tipica di quella zona dello Utah, ci stava di fronte muta, senza vita. Inglobata dal nero della notte. Si sarebbe svegliata… Continua a leggere Il Racconto del mercoledì: Conversazione su ciò che non sarà mai, Part 1

altro · Esercizi scrittura creativa · RaccontAmi

La casa della Vecchia.

La casa della Vecchia era l'ultima, sulla strada scoscesa che portava al mare. D'estate i bambini facevano a gara a chi arrivava prima in fondo, mentre sfrecciavano con la bici senza tenere i piedi sui pedali. Alla Vecchia non davano troppo fastidio. Le femmine del resto sarebbero passate da lei, prima o poi. Le mura… Continua a leggere La casa della Vecchia.

altro · Esercizi scrittura creativa · RaccontAmi

Se sapessi.

Se sapessi, Luna, che sono sola anche io, come te. Se tu lo sapessi, forse mi ascolteresti, forse ascolteresti tutte noi. Se sapessi che ci sentiamo, come te, piene, poi vuote. Che a volte di noi non resta che una falce. Ci insegni che tutto è ciclico. Ce ne proviamo a ricordare mentre ci teniamo… Continua a leggere Se sapessi.

altro · Esercizi scrittura creativa · RaccontAmi

Il Faro

La strada per raggiungere il faro è impervia. Mangiata dai rovi di mare, bassi e robusti, con i rami seccati dal sole taglienti come rasoi. La affronto sola, a piedi scalzi, in un rito di iniziazione che forse nessun altro ha mai fatto. Alla mia sinistra, il mare sciaborda. Non lo vedo, ammantato com'è dell'Oscurità… Continua a leggere Il Faro

altro · RaccontAmi

Storia inventata di una donna vera.

Prologo: mi capita spesso di essere affascinata da persone che vedo, mentre sto guidando. Ogni tanto incrocio una donna, che attraversa la strada. Ha i fianchi stretti ma un sedere largo. Eppure il suo incedere è ipnotico. Questa è la sua vera storia, inventata. "Rientro a casa adesso. Giro la chiave nella toppa, lancio la… Continua a leggere Storia inventata di una donna vera.

altro · Daily Tales

Esercizio di scrittura Sveglia Ispirazione fai da me

Settimana scorsa ero in un'impasse. Cercavo a più riprese l'attacco di una storia che volevo scrivere, e non lo trovavo. Mettevo giù un paio di parole e mi sembravano scontate, scritte male... e -cosa più grave - non mi davano la voglia di mettere altre parole dietro alle prime. L'incipit l'ho scritto due volte, niente.… Continua a leggere Esercizio di scrittura Sveglia Ispirazione fai da me

Daily Tales

Il mio “Abisso” su 20lines.

Sarà che in questi giorni mi sento positiva, sarà l'aria, sarà Gennaio, sarà che non lo so, ma proprio ieri mi è arrivata la mail da 20lines della possibilità di scrivere storie individuali -prima mettevi solo l'incipit, venti righe appunto, e lo si poteva completare da lì anche con gli altri utenti- e quindi mi… Continua a leggere Il mio “Abisso” su 20lines.

RaccontAmi

“Tutti i dolori si curano con il pane…”

Da qualche parte, forse in un fim, aveva sentito che tutti i dolori si curano con il pane. Mentre si versava un mestolo sul piattino capì che per lei non era il pane, era la zuppa. Tutte le volte che la giornata era stata troppo brutta, di quei giorni dove per più di tre ore… Continua a leggere “Tutti i dolori si curano con il pane…”