Recensioni Libri

Recensioni Libri: L’albergo delle donne tristi, Marcela Serrano.

Trama Floreana è una famosa storiografa. Arriva all'albergo di Elena, sito a Chiloè, nel profondo Sud del Cile. Nel suo albergo, Elena ospita solo donne, delle condizioni sociali più disparate. Ognuna di loro potrà sostarvi solo tre mesi e in quel tempo, guarire dal ferite più o meno visibili. Tramite Floreana incontriamo le altre ospiti,… Continua a leggere Recensioni Libri: L’albergo delle donne tristi, Marcela Serrano.

altro · Daily Tales

L’albero di mimosa.

Nel nostro paese c’era un parco. Per me, bimba di cinque o sei anni, era un parco immenso. Era segnato da tante siepi, passaggi impervi che portavano a panchine isolate, a giochi sgangherati. Ti ci potevi nascondere, in quel parco, e giocare a scappare dai tuoi fratelli o dai tuoi compagni. In fondo al parco,… Continua a leggere L’albero di mimosa.

RaccontAmi

Il Racconto del Mercoledì: La Casa della Vecchia.

Ci sono racconti che non mi ricordo nemmeno di aver scritto, come questo. Li scrivo in momenti di "scrittura mistica" e poi me ne scordo. Inizio a pensare che questo, però, potrei anche continuarlo... La casa della Vecchia. La casa della Vecchia era l'ultima, sulla strada scoscesa che portava al mare. D'estate i bambini facevano… Continua a leggere Il Racconto del Mercoledì: La Casa della Vecchia.

altro · Esercizi scrittura creativa · RaccontAmi

La casa della Vecchia.

La casa della Vecchia era l'ultima, sulla strada scoscesa che portava al mare. D'estate i bambini facevano a gara a chi arrivava prima in fondo, mentre sfrecciavano con la bici senza tenere i piedi sui pedali. Alla Vecchia non davano troppo fastidio. Le femmine del resto sarebbero passate da lei, prima o poi. Le mura… Continua a leggere La casa della Vecchia.

Creativity

Mrs Williams e Mrs Osburne.

Mrs Williams la conosco. Sono stata con lei per oltre un anno. Non è una donna facile. So che ha passato i quarant'anni, che tiene i lunghi capelli in una treccia laterale. La treccia prova a mitigare una brutta cicatrice sul lato del collo, con poco successo. La cicatrice si vede, ma nessuno le chiede… Continua a leggere Mrs Williams e Mrs Osburne.

Daily Tales

Digiuno.

Dal 29 settembre, fino al 15 novembre, è durato il mio personalissimo digiuno. In ossequio a quella data FINITO che avevo scritto sotto a un INIZIATO di sette anni prima. E quindi mi sono negata per un mese e mezzo, sperando che il mio fioretto servisse a qualcosa, il mio cibo preferito. E ho digiunato… Continua a leggere Digiuno.

Daily Tales

Ma perché c****?

Ma perché c**** devo sentirmi arrabbiata pure quando succedono cose F**********e belle? Ma è mai possibile? Per dirlo nella mia lingua: Ma cu muriu e mu lassò rittu? Ma che c**** abbiamo noi femmine (chiedo, succede anche ai maschi, ma secondo me no)? Un demone psicopatico incorporato che ci fa essere così? Sorde, pazze, cieche,… Continua a leggere Ma perché c****?

Daily Tales

What you wanted ain’t what you get.

What you wanted ain't what you get. Cioè: quello che volevi non è quello che hai ottenuto. Ci pensavo in questi giorni, nei miei viaggi mentali nati dalla "vita quotidiana". Mi vengono in mente solo dal punto di vista femminile, sarà perche come di dice sempre quel santo che adesso mi sta tagliando le verdure… Continua a leggere What you wanted ain’t what you get.

RaccontAmi

Ufficio di Notte.

Office at Night, Edward Hopper. Come spesso a quell’ora, Lucy era davanti alla cassettiera dei documenti. Aveva appena aperto il secondo cassetto quando si dovette fermare, con le mani appoggiate sul bordo. Edgar, seduto alla sua scrivania, sembrava agitato. Lei gli guardava la nuca, di nascosto, come al solito. “Lucy, mi prenderesti il documento sull’ultima… Continua a leggere Ufficio di Notte.