altro

Recensioni libri: Il custode dei pozzi maledetti, Roberta Bianchessi.

IMG_0828-01

Questo è il primo fantasy di Roberta che leggo. Ci conosciamo da una vita, i nostri libri sono “cuginetti”, praticamente crescono insieme, e quindi attendevo questo romanzo già da un po’. La cosa che mi stupisce di più è che Roberta sia perfettamente credibile in un thriller, come il suo esordio Un segreto è come una bugia, in un romanzo intimistico, il suo secondo lavoro Acqua e menta ghiacciata è racconto lungo sull’Alzheimer, tema che purtroppo Roberta conosce bene, e lo resti anche nel fantasy.

Veniamo però al testo. I nostri protagonisti sono Nihls, Lussy e Astaroth. Ognuno di loro fa parte di un diverso clan, che hanno tutti però come fulcro i Pozzi maledetti, tunnel mistici che portano ad altri luoghi, epoche e mondi. I Pozzi possono essere attraversati solo dal Custode dei pozzi, che viene scelto tra i Felidae Supreme, clan di cui fa parte Nihls. Astaroth è invece un giovanissimo esponente dei Felinii, tra cui viene scelto il Depositario delle chiavi, ruolo che ricopre il nonno al momento della narrazione. Infine Lussy, del clan degli Anphibi, che dovrà diventare nuovo Guardiano del fondo, nonostante le atrocità a cui sottoposta dalla sua famiglia per il suo aspetto fisico.

All’inizio della narrazione, i nostri tre protagonisti vorrebbero tutti “evadere” dalla loro situazione attuale, chi per pigrizia, chi per senso di inadeguatezza, chi per paura. Ma durante una cerimonia, un terribile nemico riesce ad attraversare i tunnel, portando morte e distruzione tra i clan. I tre allora non potranno che accettare il loro destino, e cercare nel passato le risposte al presente.

Quello che ho amato di più del romanzo è la costruzione dei personaggi e la loro complessità emotiva. Nessuno di loro è stereotipato e la loro psicologia è davvero ben descritta, soprattutto quella di Lussy, vessata da una famiglia che la disprezza. La componente animale, che trovo sempre molto interessante quando antropomorfizzata, è un altro degli aspetti che mi è piaciuto di più. Però ci rendiamo subito conto che non siamo in una fiaba ma in un fantasy molto cupo, perché gli avvenimenti raccontati sono davvero dark, tra sgozzamenti, violenze e sacrifici.

Si vede che si tratta solo del primo capitolo di una trilogia, perché la storia viene appena accennata e infatti il lettore resta aggrappato alla voglia di capire che cavolo succederà ai tre protagonisti, che hanno appena intrapreso il loro viaggio. Si tratta quindi di un primo capitolo preparatorio, con lo schieramento delle varie forze in campo in attesa che nei prossimi si accendano le vere battaglie.

Io vi consiglio di iniziare a metterlo in libreria nell’attesa del seguito!

LINK AMAZON.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...