RaccontAmi

Racconti da un titolo: Il giardino perduto.

IMG_9726-01

Tra le cose al mondo che andrebbero custodite con più tenacia, ci sono le porte di legno. Quella che sto per aprire ha un colore bluastro sigillato nel tempo con il mogano sottostante, sposato dal sole, dall’acqua, dall’aria. Intarsi d’oro, come la maniglia a pomello, fuggono veloci lungo la cornice: apro. Il viso viene benedetto da una miriade di gocce, ne saggio qualcuna con la lingua, come fanno i bambini. Attraverso la cascata, che dev’essere magica, certo, perché non solo non mi bagno ma mi trovo in un luogo perso nel tempo. C’è ancora? Dapprima lo sguardo potrebbe essere ingannato, sembra Saint James. E invece no, sono lontanissima da Londra. Il sentiero è definito, gli alberi meno selvatici. Ogni tanto dei gabbiani. Poi ti vedo. Te ne stai seduta su una delle ultime panchine. Com’è che non cambi mai? È merito della cascata? Sei sempre alta più di me, più bella di me, con quegli occhi nocciola grandi e quelle labbra da invidia. Uno degli ultimi ricordi che ho di questo parco sei tu che scappi da me. Avevamo litigato. Ti inseguivo, era facile perché tu non sparivi dietro le siepi, io sì. Mi ricordo quanto ogni nostra lite mi feriva, perché io ti prendevo d’esempio. Poi tu mi hai detto che prendevi d’esempio me, in un’eterna rincorsa al miglioramento. Oggi il chiosco delle caramelle nell’angolo è aperto. Dietro il bancone in legno un omino occhialuto, ci porge un sacchetto di carta pieno di stringhe zuccherine, quelle che pizzicano. Me ne porgi una, poi ci incamminiamo. Com’è che prima ci servivano decine di secondi, mentre adesso qualche passo è sufficiente per girare l’angolo? Ci accompagna il suono dei nostri passi sul brecciolino, attutiti dal tempo e dal sogno. Ecco, nella mia memoria la mimosa sulla sinistra è sempre in fiore, sarà per questo che il suo profumo mi piace. Mi porta a te, a questo parco. Di ancore con questa terra quasi non ne ho più. Ne conservo tre: il sole, il mare e il tuo sorriso, mentre strappi un rametto per ognuna.

 

PS: questo pezzo NON fa parte del romanzo! Tutti i racconti con l’# raccontidauntitololkl sono miei o di altri scrittori ispirati liberamente ai titoli degli altri romanzi.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...