RaccontAmi

Racconti da un titolo: Chilean Electric. PT 1

Progetto senza titolo

Pedro estrasse i cassetti della sua scrivania in mogano e li poggiò entrambi sul tavolo. Era assurdo che Sarah non ne avesse buttato il contenuto, dalla loro separazione, e invece se n’era tenuta alla larga consegnando tutto il mobile a Chris, che era andato a riprenderlo, così come Pedro l’aveva lasciato.

Adesso voleva liberare il cassetto di destra per Livia, per darle un posto dove lasciare il portatile e i suoi quaderni. Vederli sempre nel suo zaino in pelle nera gli dava l’impressione che lei fosse ancora nomade, pronta a rimettersi la borsa sulle spalle per andarsene, sola…

Si alzò le maniche fermando il maglione sugli avambracci, prima di mettersi all’opera. Sua madre gli diceva che in casa c’è sempre almeno un cassetto da sistemare, e aveva ragione. Pedro vi aveva riposto un’infinità di oggetti più o meno utili. Cavi di piccole macchine fotografiche scomparse, cellulari storici dai massicci vetri incrinati, depliant di mostre, eventi, gallerie, ristoranti. Era riuscito a sistemare il tutto in due gruppi, tenere-buttare, quando, dal fondo del cassetto, estrasse un astuccio. Lo riconobbe con un sussulto: era l’astuccio di Capitan America che gli aveva comprato il padre per il primo giorno di scuola. Lo scudo dell’eroe era irriconoscibile, con grossi pezzi di plastica saltati, e i colori brillanti erano reduci da una guerra impari contro il tempo ma Pedro lo trovò ancora una delle cose più belle che avesse mai visto. Quando lo aprì, per controllarne lo stato interno, il respiro gli si mozzò in petto.

La lampadina.

Estrasse l’ampolla di vetro, manufatto magico che permette di uscire dal buio grazie alle sue antenne vive, con mano tremante.

Di suo padre ricordava tante cose, ma la più importante era il suo ingegno pratico. Non c’era cosa che non sapesse sistemare e si era impuntato a passare ai figli la stessa capacità. José si scocciava a morte di fronte a quegli insegnamenti, così a Rober non restava che Pedro, il suo primogenito. Da dove partire, se non da una lampadina?

 

LA SECONDA PARTE PIù TARDI!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...