MartedìIncipit

Martedì Incipit: Americanah, Chimanda Ngozi Adichie

20181125_121507-01 1

“Princeton, d’estate, non aveva odore, e anche se a Ifemelu piacevano la verde tranquillità dei tanti alberi, le strade pulite e i palazzi imponenti, i negozi un filo troppo cari e la quieta, persistente aria di meritata grazia, era proprio questo, l’assenza di odore, ad attirarla di più…” 

 

L’odore. Uno dei sensi più belli da descrivere in un racconto eppure sottovalutato. Pensate a quanto è evocativo nominare l’odore del pane, quello di chiuso, del sale…

E per riprendere il filone di questo incipit…

La mia (Londra, of course) ha un odore tutto suo, di umido, di fiume, mischiato sempre al cibo etnico. Nemmeno due mesi dalla mia ultima visita e oggi ho sentito la prima nuova stilettata di nostalgia. ‘Sti cazzi, come sono messa male.

#qotd: La vostra città che odore ha?

2 pensieri riguardo “Martedì Incipit: Americanah, Chimanda Ngozi Adichie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...