Mrs Williams e Mrs Osburne.

Mrs Williams la conosco. Sono stata con lei per oltre un anno. Non è una donna facile. So che ha passato i quarant’anni, che tiene i lunghi capelli in una treccia laterale. La treccia prova a mitigare una brutta cicatrice sul lato del collo, con poco successo. La cicatrice si vede, ma nessuno le chiede come se l’è fatta. La signora Williams ha un carattere scontroso, te la devi conquistare. Le piacciono gli oggettini, le collanine, le bancarelle. So anche che le piaceva viaggiare. Ha avuto qualche uomo nella sua vita, ma solo uno l’ha amato veramente. Credo che la cicatrice più grande sia quella che le ha lasciato lui.

Della signora Osburne so ancora molto poco. Mi ha fatto visita solo ieri. Dicono che sia strana. Veste solo di nero, lunghi abiti. Quasi da sera. Nonostante l’età, è una bella donna. La sua casa è buia… o almeno così dicono. Per me nasconde un cortiletto interno baciato dal sole tutto il giorno. Ama i gatti e le cose bizzarre. Ah, e i pipistrelli. E poi c’è la storia delle torte. Ma se mi è chiara, quello proprio no.

Stavo guidando quando ho ripensato alla signora Williams, e mi è mancata in modo viscerale. Stava per venirmi da piangere. Poi mi sono sforzata di ricordarmi che per me lei c’è sempre. Mi è salita nello stesso tempo una voglia incredibile di conoscere meglio la signora Osburne. Di capire chi è, di sentirla parlare. Ce la vedo già quasi, donna raffinata e assurda nello stesso momento.

Che roba strana, essere scrittori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...