“Tutti i dolori si curano con il pane…”

Da qualche parte, forse in un fim, aveva sentito che tutti i dolori si curano con il pane. Mentre si versava un mestolo sul piattino capì che per lei non era il pane, era la zuppa.
Tutte le volte che la giornata era stata troppo brutta, di quei giorni dove per più di tre ore hai gli occhi stanchi per le lacrime, lei tagliava due carote, una zucchina, dei gambi di sedano, buttava tutto in una pentola con i fagioli e aspettava. Aspettava un’ora, così che dallo stomaco potesse arrivare una qualche consolazione alla testa.
Si appoggiò allo stipite della porta finestra, che dava sul terreno antistante, e si mise a guardar fuori. Solo un pezzo di giardino era loro, tutto il resto della tenuta era del vecchio vicino che non riusciva quasi più a lavorarci.
Faceva già freddo e le zucche stavano iniziando ad ingrossarsi.
Pensò che si parlava spesso del blocco dello scrittore, della mancanza d’ispirazione per gli artisti… ma se a uno viene nella vita? Che deve fare? Eppure sapeva che quel blocco non veniva mica a tutti, era circondata da persone che non sapevano nemmeno cosa voleva dire essere ispirati. Beati loro -si diceva- o forse no.
Mandò giù un altro cucchiaio, si sentiva già meglio. “Provi a farla meno densa oggi?” le aveva chiesto il suo ragazzo prima di uscire. Sì, era quasi pronta.
Guardò quegli alberi che erano statici, senza cure. La sua immaginazione, che le faceva la cortesia di non andarsene come l’ispirazione, le mostrò rami pieni di frutta, vasetti di marmellata, bambini in visita, animaletti, una tavola per una festa sotto lanterne colorate. Un’immagine meravigliosa che stava per mettere nel cassetto delle belle idee quando pensò a questa cosa.
Che forse questa volta si poteva fare. Forse…
Il suo ragazzo aprì la porta:”Sai, mi ha appena fermato il vicino. Pensa di vendere la tenuta. Forse potremmo…”
Per poco non lasciò cadere il piatto. “Possiamo, possiamo!”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...