E così anche Baby ha visto le sue prime lascrime.

Oggi Baby, la mia chevy spark, ha visto le sue prime lacrime. So che piangere in macchina è un clichè da film d’amore ma io non ce l’ ho fatta. Due minuti dopo essere uscita dall’ufficio si sono spalancate le catarratte del cielo. Ho pianto da Cernusco a Villa Fiorita. Per l’ennesima volta sono stata costretta a salutare dei colleghi “gentilmente” lasciati a casa dall’azienda. Pensare di entrare in ufficio e non sentire le loro voci e le loro battute mi demoralizza ancora di più. Se potevo trovare qualcosa di bello in questo lavoro erano proprio le persone che mi sedevano di fianco, e se ne stanno andando una ad una. Senza contare chiaramente la rabbia nel sapere che non c’ è nessun premio per chi si sbatte tutto il giorno, mentre i furbi possono starsene belli tranquilli nel loro cantuccio.
Del resto viviamo in Italia, il paese per antonomasia dove più sei stronzo e più sei considerato.
Quello che è successo oggi ravviva la voglia di andarmene, di fare qualcosa che mi piace, di non dover sottostare ai capricci di qualcuno vestito in giacca e cravatta. Purtroppo, come sempre e come a chiunque, mancano i mezzi e le opportunità mentre abbondano le scuse e la paura.

Goodbye till we meet again

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...